Gallotti e Radice

Gallotti e Radice viene fondata nel lontano 1955 dalla collaborazione nata tra Pierangelo Gallotti e Luigi Radice: due menti che hanno creato un vero e proprio spazio artistico dedicato alla lavorazione e alla decorazione del vetro. Un materiale nobile e allo stesso tempo semplice, che necessita di una manipolazione che solamente i maestri artigiani italiani hanno saputo domare. La storia narra che Luigi Radice, ancora quando era uno scolaro, prese ispirazione da un suo compagno di classe, che aveva vinto un concorso per la creazione di tutti i bicchieri della casa reale a Roma. Così Luigi Radice passava i pomeriggi a lavorare il vetro e in poco tempo riuscì a padroneggiare quest’arte, diventando uno dei migliori artigiani italiani del settore. Qualche anno più tardi, dopo aver conosciuto Pierangelo Gallotti, venne fondata l’azienda Gallotti e Radice, inizialmente specializzata in prodotti di illuminazione. In un secondo momento la produzione venne ampliata anche a complementi d’arredo, tavoli e scrivanie, mantenendo però una connotazione estremamente artigianale. Gallotti&Radice è caratterizzata da una produzione particolareggiata, che richiede una grande padronanza di tutte le fasi del processo di creazione del prodotto finale. Sono gli artigiani di altissimo livello che conferiscono quel valore aggiunto al prodotto, apprezzato soprattutto da chi desidera un oggetto unico e inimitabile. “Credo di poter dire con grande soddisfazione di essere riuscito in tutti questi anni, il nostro lavoro in modo artigianale e di aver resistito alle facili tentazioni di industrializzare il nostro lavoro” Questo è lo slogan principale dell’azienda. Nel catalogo Gallotti e Radice potremo trovare tavoli fissi o allungabili, scrivanie da studio o da ufficio, diversi complementi d’arredo, come tavolini, specchi, consolle e illuminazione. Lasciati ispirare da un marchio irresistibile e dal design inimitabile. Siamo rivenditori ufficiali Gallotti e Radice, naviga sul nostro sito per poter vedere tutti i prodotti a catalogo.

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5